da Superba a Martoriata (dedicata ad Anna Oliva )

Regole del forum
Opere Poetiche di tutti i generi( dalla Ballata al Madrigale, dallo Strambotto al Sonetto, dall'Ode alla Romanza etc etc ) ed espresse con le più varie tendenze e correnti poetiche ( dal Dolce Stil Novo, al Futurismo, all'Ermetismo, al Modernismo etc etc.

I commenti alle Poesie pubblicate siano essi di apprezzamento o di critica debbono essere motivati indicando i n via generica i punti di forza e di debolezza che il commentatore riscontra. ( contenuto poetico , genere e tendenza , figure poetiche, stile espressivo etc etc)

Non sono consentiti nella Sezione suggerimenti e parziali riscritture di versi strofe e semplici lemmi , per i quali si rimanda alla sezione appositamente dedicate ( Laboratorio Poetico)
Avatar utente
stefanocona
Presidente
 
Messaggi: 808
Iscritto il: 24 novembre 2014, 8:53
Località: Anzio
Ha ringraziato: 45 volte
E’ stato ringraziato: 268 volte

da Superba a Martoriata (dedicata ad Anna Oliva )

da stefanocona » 2 settembre 2018, 13:23

in mezzo a queste meretrici
dagli occhi tristi
e dai sorrisi di caparra,
mi sento a casa mia,
quasi in famiglia,
a suonare
distratto
una chitarra
vinta ai dadi
dentro un'osteria.

Queste strade
strette
che sono cittadelle
di malinconia
eppure…
spazi aperti di fantasticherie
affidate ai sibili del vento,
quando c'è vento,
oppure
al calpestio dei passi
dei rari fortunati
che se ne vanno via,
lasciando
quell'acciottolato
per un destino incerto,
ma certo,
più ingenuo e fortunato.

Chiacchiere
inframmezzate
da prezzi a buon mercato,
dichiarati
con sguardi di speranza ,
tanto la stanzaè gratis
e i costi sono all'osso,
se non si conta la carne
che si spreca
tra una traversa e l'altra,
oppure,
tra un antro buio ed un sagrato ,
dove,
mentre si aspetta,
si sogna,
magari,
di salire
con uno strascico
che spazzi via il passato.


E strimpello due corde,
quelle più accordate,
-re-
-mi-
perché
se davvero io li avessi
remi
robusti
che frusciassero sul mare
io me ne andrei,
anch'io,
a cercare il senso vero
di queste attese inviolate
in vicoli di noia e di paura,

chè la SUPERBA è intrisa di dolore
per i sorrisi
a tendere ombelichi
e dita
martoriate da preghiere.
Stefano Antonio Mariano Cona


Mi feci tante domande che andai a vivere sulla riva del mare e gettai in acqua le risposte per non litigare con nessuno. ( Neruda)

my page
viewtopic.php?f=26&t=3077&p=16409#p16409

Torna a Poesia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti

cron